.
Annunci online

il blog di Benedetto Paris

14 dicembre 2011
Nello TULLI: "Unire la comunità labicana per cambiare e vivere veramente Labico"

Troppospesso Labico è descritta e, purtroppo, vissuta comeuna città dormitorio, coni tempi di vita scandidti dal lavoro e dal pendolarismo quotidiano.Non possiamo cambiare il nostro essere pendolari, ma il rischio èche questo porti sempre più alla perditàdi identità della nostracomunità, ad un rapporto freddo e distaccato tra i cittadini e illoro territorio.

Perquesto qualsiasi politica amministrativa non potrà prescindere dalricostruire un senso dicomunità dichiaraNello Tulli candidato alle primarie di domenica 18 dicembre con uncomunicato sul blog nellotulli.wordpress.com.

Farecomunità” deve esseredeclinato in molti modi.

Innanzituttocon la cultura.Labico ha bisogno di una nuova vita culturale, perché è con lacultura e l'intrattenimento che ci si incontra, ci si conosce, si staassieme e si condivide un percorso di vita. Vogliamo, quindi, tornarea finanziare le attività culturali del comune e delle associazioni,nervi vitali della comunità, con le quali condividere le scelte dipolitica culturale del paese, dando piena attuazione al regolamentoapprovato anni fa e che assegna senza clientele i fondi alleassociazioni.


Perfare cultura servono, però, spazi.Noi vogliamo riportare neivicoli e nelle piazze delcentro storico gli eventi culturali, ma allo stesso tempo abbiamo duegrandi obiettivi: aprire ilparco di Villa Giuliani etrasformare Palazzo Giuliani nel polmone culturale di Labico, unavera e propria “casa delleassociazioni”, mettendole sue stanze a disposizione delle associazioni labicane; recuperarefinalmente Palazzo Ex–Eca,dove stabilire una vera biblioteca e spostare i servizi culturali delComune.

Farecomunità però non è solo attività culturale. E' anche renderepartecipi i cittadini dellescelte della comunità, attraverso la costituzione dei Comitatidi quartiere, la Consultadelle Associazioni, la ConsultaScolastica e il Consigliodei Giovani. Tanti spazi dove discutere, coinvolgere e prendereinsieme ai cittadini le scelte sul futuro del paese.

Nonc'è comunità senza unaidentità, senza capire lastoria e il senso delle cose del luogo in cui si vive. Per cui pernoi fare comunità è anche recuperare veramente il Centro storico.Questo con tre azioni principali: recuperarela storia e le tradizionidi Labico; lottare contro l'abbandono del centro storico realizzandoprogrammi di sostegno alla residenza digiovani coppie e attività commerciali;sostenendo i privati nella applicazione del Pianodi Recupero del Centro Storico,con interventi per nuclei e ridare lustro ai nostri vicoli.

Soloincontrandoci, sentendoci parte di una comunità, coinvolti nellescelte e consapevoli della ricchezza che abbiamo attorno, solo cosìpossiamo sentirciLabicani, vivereveramente il nostro comune e impegnarci per cambiarloin meglio. 


7 dicembre 2011
Nello TULLI: Famiglia e infanzia al centro della politica labicana

Vogliamo mettere al centro dell’ attività amministrativa la famiglia, i bambini e le donne.

Infatti, Labico ha il 3° tasso di natalità regionale ed è il comune più giovane del Lazio. Non solo: il 40% dei labicani ha tra i 30 e i 50 anni, molti di loro con uno o più figli. E’ ai bisogni di questi cittadini che vogliamo guardare.

 Prima di tutto con la scuola. Tra cinque anni a Labico servirà la sezione D alle elementari e non si può andare avanti rincorrendo la crescita della popolazione scolastica, come fatto da Giordani e Galli. Vogliamo un nuovo e grande edificio scolastico, che sia sufficiente per le esigenze dei prossimo 10 anni e permetta così di avere, con una sola opera, spazi adeguati per ogni ordine scolastico e di liberare spazi per l’asilo nido comunale e soprattutto per creare, presso l’attuale scuola materna, un vero e proprio “Polo per l’Infanzia e la Famiglia”, con ambulatori e servizi pensati per i bisogni dei bambini, delle donne, della famiglia e dei giovani, creando così un polmone sociale nel centro storico.

Puntare sulla scuola significa anche puntare sulla qualità dell’istruzione offerta, sostenendo l’istituzione scolastica nella realizzazione delle attività integrative, che stimolino la creatività dei bambini e li avvicinino al territorio in cui vivono.

Non solo. Vogliamo portare all’avanguardia la nostra scuola, con la realizzazione, di concerto dirigenza e docenti, di una “Sezione ad alta informatizzazione”, dotando, in 3 anni con 9.000 euro l’anno, le tre classi di una sezione di un netbook ad alunno, promuovendo, insieme all’istituzione scolastica, l’utilizzo consapevole dei computer e soprattutto l’utilizzo della tecnologia multimediale nella didattica.

Per i giovani, invece, vogliamo servizi e spazi dove poter costruire il proprio futuro e con i quali poter partecipare alle scelte che li riguardano: Informagiovani on line, centro giovanile e Consiglio dei giovani rimangono i nostri caposaldi. A questo aggiungiamo il rafforzamento delle borse di studio per meritevoli elargite grazie a Cambiare e Vivere Labico dal nostro comune dal 2008.


5 dicembre 2011
Noi abbiamo scelto Nello TULLI, fallo anche Tu - Lettera Giovannoli Paris

Cara cittadina, caro cittadino,

 

La prossima primavera si terranno le elezioni per il rinnovo del nostro Consiglio Comunale.

Sarà un appuntamento importantissimo per la comunità labicana, un'occasione da non perdere per chi vuole cambiare Labico.

Arriviamo a questo appuntamento dopo cinque anni di paralisi, senza una visione dello sviluppo del nostro comune, mentre la comunità labicana ha continuato a cambiare: la metà dei cittadini ha tra i 30 e i 50 anni, siamo il comune più giovane del Lazio e quello con il più alto tasso di natalità.

In questi cinque anni Cambiare e Vivere Labico ha rappresentato la più grande novità politica: insieme, senza mai dividerci, abbiamo fatto una corretta e integerrima opposizione, senza far mancare le nostre proposte e le nostre idee per migliorare il paese in cui viviamo!

Ora non possiamo sbagliare, a cominciare dal candidato a Sindaco. Dobbiamo scegliere chi possa portare a vincere il nostro progetto di cambiamento, ottenendo il più largo consenso possibile.

Per farlo Cambiare e Vivere Labico ha scelto di indire le Primarie per il 18 dicembre, un modo aperto e partecipato per fare insieme questa importante scelta.

Noi abbiamo scelto Nello Tulli, convinti che la sua esperienza e il suo impegno possano dare un contributo consistente al progetto della nostra lista, costruendo attorno a Nello un vasto sostegno per portare le idee e le competenze di Cambiare e Vivere Labico al governo del nostro paese.

 

Nello è un’opportunità che unifica il nostro paese e che si pone come raccordo e integrazione fra realtà consolidate e generazioni nuove, fra le cittadinanze tradizionali e quelle più recenti, che produce una contaminazione benefica e non una contrapposizione inutile.

Chi conosce Nello sa che  può unire per cambiare effettivamente Labico. Per ridare un senso di comunità alla nostra società, puntando su cultura, giovani, partecipazione e associazioni. Per mettere al centro della politica i bisogni delle famiglie e dell'infanzia. Per ridare dignità e decoro al Centro storico, a Colle Spina, ai nuovi quartieri lasciati senza servizi e spazi sociali.

Alle donne e agli uomini, alle ragazze e ai ragazzi di Labico chiediamo di sostenere una figura capace di unire, in grado di promuovere la comunità, di renderla più coesa, di trasformarla in una forza motrice di cambiamento.


Danilo Giovannoli e Benedetto Paris


sfoglia novembre        gennaio